home / la giuria / Margherita Azzi Visentini
 

Sezioni correlate

Mappa: cerca per regione scegliendo dalla cartina qui sopra

cerca

Il Parco del Giorno

Villa Bonaparte

Il giardino si apre davanti forma un terrazzo sul sottostante borgo (la villa sorge su un pendio) mentre nel retro c'è un bellissimo parco di otto ettari,

» approfondimento


Margherita Azzi Visentini

Margherita Azzi Visentini, laureata in Lettere e filosofia all’Università di Padova, con tesi in Storia dell’architettura (1970), e specializzata in Storia dell’arte presso la stessa università (1978), ha iniziato la carriera universitaria a Padova subito dopo la laurea. Docente di Storia della città e del territorio e di Storia dei giardini all’Università di Udine (1992-95), dal 1995 ha la cattedra di Storia dell’architettura alla Facoltà di Architettura e Società del Politecnico di Milano, dove dall’a.a. 2004-05 tiene anche la supplenza di Storia del giardino e del paesaggio.

 

Si è occupata soprattutto del Palladio, della sua fortuna nel mondo anglosassone, e dell’architettura della villa e del giardino in età moderna, con particolare riguardo all’area veneta e alle Isole Borromeo, ma anche delle fonti per lo studio del giardino storico italiano, e della sua fortuna critica.

 

Da più di trent’anni partecipa attivamente, con lezioni, relazioni a convegni e l’organizzazione di mostre, all’attività scientifica nel suo settore in Italia e all’estero.

 

‘E stata visiting professor al Center for Landscape Studies di  Dumbarton Oaks, Washington nel 1986, 1990 e 2000, al Yale Center for British Art, New Haven, nel 1993, e al CASVA (Center for Advanced Study in the Visual Arts), National Gallery, Washington, nel 2002. ‘E membro votante per l’Italia del Comitato Internazionale ICOMOS-IFLA per i paesaggi culturali dal 2001; è membro dell’Ateneo Veneto dal 1985, del Comité International d’Histoire de l’Art dal 1988, dell’AIAPP (Associazione Italiana di Architettura del Paesaggio) dal 1988, e senior member della Society of Architectural Historians, di cui è membro dal 1975, e dove, dall’aprile 2005, fa parte del “Landscape charter board”, coordinato da Marc Treib. Dal 1989 al 2003 è stata membro del Comitato nazionale per lo studio e la conservazione dei giardini storici.

 

Collabora dal 1972 con il Centro Internazionale di Studi di Architettura A. Palladio (Vicenza) e dal 1988 con la Fondazione Benetton Studi Ricerche (Treviso) di cui, dal 2005, è membro invitato della giuria del Premio Carlo Scarpa per il giardino. Dal 2006 è membro della giuria del Premio Mazzotti.