home / la giuria / Vincenzo Cazzato
 

Sezioni correlate

Mappa: cerca per regione scegliendo dalla cartina qui sopra

cerca

Il Parco del Giorno

Villa Bonaparte

Il giardino si apre davanti forma un terrazzo sul sottostante borgo (la villa sorge su un pendio) mentre nel retro c'è un bellissimo parco di otto ettari,

» approfondimento


Vincenzo Cazzato

Nato a Presicce (Lecce) nel 1951, è professore ordinario di Storia dell’Architettura presso la Facoltà di Beni Culturali dell’Università di Lecce, dove insegna anche “Arte dei giardini” e “Architettura del paesaggio”. Dal 1981 al 2001 ha prestato servizio presso l’Ufficio Studi del Ministero per i beni e le attività culturali con il ruolo di architetto direttore coordinatore. 

Partecipa ai programmi nazionali “Arte e cultura nell’Italia del Seicento” e “Centri e periferie del Barocco”, che ha interagito con i programmi internazionali pluriennali “Les espaces du Baroque” (Unesco) e “Les routes du Baroque” (Consiglio d'Europa"). 

Ha curato l’organizzazione di convegni, seminari, giornate di studio, nonché di mostre, fornendo la propria collaborazione scientifica e organizzativa anche nell'ambito delle attività di alcuni Comitati nazionali. 

Consulente del Ministero per i beni e le attività culturali, è coordinatore del Comitato nazionale per lo studio e la conservazione dei giardini storici sin dalla sua costituzione nel 1982, nonché del Centro di Studi sul Barocco di Lecce; “Chargé de recherche” presso il Centro di Studi sulla Cultura e l’Immagine di Roma. 

Dal 2009 è membro onorario dell’AIAPP (Associazione Italiana di Architettura del Paesaggio). È stato responsabile scientifico della collana “Quaderni” del Ministero; attualmente dirige le collane “Architettura e città” e “Studi e documenti” (Congedo), “Natura e artificio” (Gangemi, con M. Fagiolo). 

Due volte vincitore del Premio Grinzane Cavour-Giardini Botanici Hanbury nel 1999 e nel 2005.Ha scritto libri e pubblicato saggi sulla storia dei giardini, sul barocco nell’Italia meridionale, sull’architettura effimera, sulle utopie, sui problemi della tutela e della conservazione dei beni culturali. 

Fra i principali volumi sul tema del giardino: Tutela dei giardini storici: bilanci e prospettive, Roma 1989; Parchi e giardini storici: conoscenza, tutela e valorizzazione, cat. Mostra (Padula, 8 giugno-29 settembre 1991), Roma 1991; Ville, parchi e giardini. Per un atlante del patrimonio vincolato, Roma 1992; Teatri di verzura. La scena del giardino dal Barocco al Novecento, Firenze 1993 (con M. Fagiolo e M. A. Giusti); Lo specchio del Paradiso. Giardino e teatro dall'antico al Novecento (con M. Fagiolo e M.A. Giusti), Cinisello Balsamo 1997; La memoria, il tempo, la storia nel giardino italiano fra '800 e '900, Roma 1999; Atlante delle grotte e dei ninfei in Italia, 2 voll., Milano 2001-2002 (con M. Fagiolo e M.A. Giusti); Ville e giardini italiani: I disegni di architetti e paesaggisti dell’American Academy in Rome, Roma, Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, 2004. 

Di recente pubblicazione è l’Atlante del giardino italiano 1750-1940: un dizionario biografico di circa 1200 pagine (in due volumi) comprendente oltre 1500 voci di architetti, giardinieri, botanici, committenti, letterati e altri protagonisti (Roma, Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, 2009).