home / i parchi / Il Giardino dei Tarocchi
 

Giardini nelle vicinanze


Giardino Storico Garzoni


Lo Storico Giardino Garzoni, uno dei più belli d’Italia, rappr... continua » 

Parco di Pinocchio


L’andamento e la folta vegetazione fan sì che ogni tappa giunga ... continua » 

La Scarzuola


Costruzione surreale progettata da Tomaso Buzzi continua » 
cerca
Galleria fotografica

Il Giardino dei Tarocchi

Il Giardino dei Tarocchi

Località Garavicchio Capalbio (Grosseto)

http://www.ilgiardinodeitarocchi.it

Nel giardino dei Tarocchi sono rappresentate le 22 carte dei Tarocchi (Arcani maggiori) in ciclopiche sculture, alte circa 12/15 metri, ricoperte di mosaici in specchio, vetro pregiato e ceramiche. 

Dalla strada che dall'Aurelia conduce verso Capalbio, sul versante meridionale della collina di Garavicchio, appaiono strane figure brillanti e colorate. C'è qualcosa di magico in quelle forme artistiche che riflettono il sole in un orizzonte dominato dal verde dei boschi. Si annuncia così il Giardino dei Tarocchi, l'opera più importante realizzata dall’artista Niki de Saint Phalle, tra il 1979 il 1996, e come lei stessa definisce “la più grande avventura della mia vita”. 

Lei lo seppe nel 1955, quando a Barcellona vide “per la prima volta il meraviglioso Parco Guell di Gaudì e allora capii che mi ero imbattuta nel mio destino. Anche io un giorno avrei costruito il mio Giardino della Gioia. Un piccolo angolo di Paradiso. Un luogo d'incontro tra l'uomo e la Natura.” 

Il dono di un mazzo di carte ha ispirato all'artista la scelta delle sculture dei ventidue arcani maggiori dei Tarocchi, inducendola a compiere il suo percorso: “Se la vita è un gioco di carte, noi siamo nati senza conoscerne le regole. Ma dobbiamo lo stesso continuare a giocare il nostro gioco. Forse è per questo che in ogni tempo alla gente è piaciuto giocare con le carte magiche dei tarocchi...” 

L'accesso al Giardino è connotato dal lungo muro creato da Mario Botta, con al centro una grande apertura circolare che sottolinea la separazione tra l'interno esoterico ed il mondo esterno voluta da Niki. 

Varcare la soglia è come iniziare un gioco magico, un pellegrinaggio dove la presenza delle figure di forte complessità simbolica, i colori, i riflessi degli specchi comunica quell'impressione di inquietudine e incantesimo, di fascinazione ed estraneamento che anima il luogo. 

ll fulcro è la piazza sovrastata dalle figure del Mago e della Papessa, con la vasca in cui si riversano le acque sgorganti dalla sua grande bocca e dove si trova la Ruota della Fortuna, la scultura di Jean Tinguely. Poco distante il Sole, l'uccello sopra un grande arco, il Papa e poi l'Imperatrice-Sfinge, in cui si entra come nel ventre di una madre, un antro luminoso in cui Niki è vissuta per anni. Poi l'Imperatore, la Morte, l'Appeso, la Temperanza... collegati da sentieri che creano una trama non solo fisica ma soprattutto spirituale, sui quali ha disegnato numeri, geroglifici, segni ebraici, greci... 

Molti degli intenti sono stati raggiunti, ma su tutto domina il desiderio più profondo, la creazione di un Femminile materno e potente: “Secondo me è il momento storico in cui una donna può realizzare un lavoro importante. Sto facendo il mio Giardino per tutte le donne che attraverso i secoli si sono viste negare la possibilità di creare... Quando ebbero il coraggio di farlo sono state bruciate come streghe oppure chiuse in manicomio. Voglio lasciare un omaggio a tutte loro e alla loro antica sapienza perduta...”

(Testo di Ines Romitti www.naturaprogetto.eu)

Ingresso

Da 1 Aprile a 15 Ottobre dalle 14,30 alle 19,30 




Apertura

Biglietto intero € 12,00 

Ragazzi da 7 a 16 anni € 7,00 
Studenti € 7,00 
Over 65 anni € 7,00 
Bambini sotto i 7 anni ingresso gratuito 
Persone disabili ingresso gratuito


Altro

I gruppi di almeno 25 persone possono usufruire del prezzo ridotto (€ 7,00) Per le Scuole Elementari il prezzo è di € 3,00 a condizione che la visita venga prenotata almeno 10 giorni prima , a mezzo E-mail tarotg@tin.it o Fax 0564-895700

Altre segnalazioni

Da Novembre a Marzo, il primo sabato di ciascun mese dalle ore 9,00 alle ore 13,00, per volontà della fondatrice, Niki de Saint Phalle, è stato concesso ai visitatori l’ingresso gratuito.


Mappa