home / i parchi / Reggia di Caserta
 

Giardini nelle vicinanze


Tenuta San Bartolomeo


La tenuta San Bartolomeo si estende per circa 40.000 metri quadri alle pendic... continua » 

Villa San Michele


Situata sul versante nord-orientale di Anacapri a 327 metri di altezza dal li... continua » 

Giardini La Mortella


VINCITORE 2004. I Giardini La Mortella sono uno splendido giardino che ... continua » 
cerca
Galleria fotografica

Reggia di Caserta

Reggia di Caserta

Via Douet 2/a Caserta (Caserta)

http://www.reggiadicaserta.org

La Reggia di Caserta, o Palazzo Reale di Caserta, è una dimora storica appartenuta alla famiglia reale della dinastia Borbone di Napoli, proclamata Patrimonio dell’umanità dall’UNESCO. Situata nel comune di Caserta, è circondata da un vasto parco nel quale si individuano due settori: il giardino italiano ed il giardino inglese. Il complesso del palazzo reale, con i suoi giardini lunghi circa 2,5 Km, è il più grande d’Europa. “Giardino Inglese” del Parco della Reggia di Caserta.

 

A lato della fontana di Diana, a partire dal 1785, per volere di Maria Carolina , moglie di Ferdinando IV, Carlo Vanvitelli ed il giardiniere inglese Jhon Andrew Graefer realizzarono il primo grande giardino di paesaggio italiano. Su di una superficie di 24 ettari ,su ispirazione di Wiliam Hamilton, ambasciatore inglese presso il re di Napoli, furono realizzati, in breve tempo, imponenti lavori per dar vita a colline, radure, laghetti e canali alimentati dalle acque del Carolino ed arricchiti da nuove piante provenienti da ogni parte del mondo allora conosciuto.

 

Seguendo la moda che dall’Inghilterra si andava diffondendo in tutta Europa, furono edificate numerose fabriques non solo utili alla sosta e allo svago dei reali ma anche da adibire a serre ed aranciere per la necessità del giardino e per lo studio e la riproduzione delle piante. Tra tutti l’ambiente più suggestivo e ricco di spunti pittoreschi è il Bagno di Venere,così denominato per una statua della dea nell’atto di uscire dall’acqua di un piccolo lago, contornato da un bosco di allori, lecci ed esemplari monumentali di Taxus baccata ,che nascondono un ninfeo all’antica arricchito da sculture romane provenienti dalla collezione Farnese.

 

Nato come passeggiata tra le rarità botaniche il giardino Inglese di Caserta divenne un vero e proprio orto botanico dove erano visibili esemplari eccezionali di Cinnamomum camphora , Taxus baccata, Cedrus libani e quella che si tramanda sia la prima pianta di camelia Camellia japonica arrivata in Europa e destinata al giardino per volontà di Maria Carolina. Durante il XIX secolo sotto la guida degli insigni botanici Gussone e Terracciano il giardino potenziò l’attività di studio e riproduzione degli esemplari botanici tanto da venir denominato Real Orto Botanico di Caserta. Ed è proprio nella conservazione di questa complessità che si rivela la validità o meno delle attività di manutenzione, restauro e gestione.

Apertura

Tutti i giorni, tranne il lunedì, dalle 8.30 e chiusura tra le 15,30 in inverno e le 19 in Giugno e Luglio; l’ingresso è consentito sino a un’ora prima della chiusura serale.

Il Giardino Inglese chiude un’ora prima ed è visitabile ad intervalli di 1 ora (visita accompagnata, massimo 30 persone).