home / i parchi / Villa Oliva Buonvisi
 

Giardini nelle vicinanze


Parco di Pinocchio


L’andamento e la folta vegetazione fan sì che ogni tappa giunga ... continua » 

Villa Grabau


Adagiata sul limitare fra la pianura e la collina circostante, in posizione... continua » 

Villa Reale di Marlia


Il giardino, realizzato nella seconda metà del secolo XVII, presenta... continua » 
cerca
Galleria fotografica

Villa Oliva Buonvisi

Villa Oliva Buonvisi

Villa Oliva San Pancrazio (Lucca)

http://www.villaoliva.it

Il parco della Villa, interamente recintato, si estende per circa cinque ettari e risulta composto da vari tipi di giardini. In un interessante Terrilogio del XVII secolo troviamo riprodotta e descritta la proprietà. 

 

L’accesso a valle della Villa, a doppia facciata, è costituito da quattro imponenti pilastri di pietra che denotano l’antico splendore della famiglia Buonvisi. Essi, infatti, sono stati costruiti in pietra grigia, abbelliti ed arricchiti da fregi in marmo bianco, come attestano le volute laterali rimaste, le mezze colonne, in cui si alternano i due materiali, le nicchie, una delle quali è sormontata ancora dallo stemma dei Buonvisi. 

 

I pilastri inoltre erano resi più movimentati da mascheroni in pietra stilizzati e decorazioni geometriche eseguite con sassi di fiume bianchi e neri, decorazioni che poi si ripresenteranno anche in altre opere della Villa. Il cancello d’ingresso si schiude su di un lungo e scenografico viale di cipressi; in fondo ad esso si presenta, in tutta la sua bellezza, la signorile dimora. 

 

La caratteristica peculiare, però, non è data tanto da detto filare, quanto da un altro, parallelo ad esso, costituito da imponenti e vetusti carpini: questi, intersecandosi alle loro sommità, costituiscono una volta arborea, che si collega alla villa attraverso una serie di piccole scale. Questa pergola, unica nel suo genere, sostituisce il più usuale pergolato di piante come viti, glicini, gelsomini, comune in altri luoghi. 

 

L’accesso a monte, costituito da due pilastri a timpano curvilineo, con mascheroni e mosaici, anch’esso fregiato dalla cometa dei Buonvisi, risulta più sobrio. Il giardino antistante al palazzo presenta una duplice pendenza del terreno che sale verso nord, dove si trova la Villa, e verso est; per ovviare ad essa si ricorse a terrazzamenti, che sussistono ancor oggi, destinati a diverse colture: le varie zone sono separate da muretti, poggi erbosi, basse siepi di bosso (Buxus sempervirens L.). La struttura complessiva del giardino risulta ancora oggi improntata a particolari effetti di sorpresa e di movimento. Inoltrandosi, infatti, lungo il viale di cipressi (Cupressus sempervirens L.), sulla destra si trova una “stanza di verzura”, realizzata con piante di tasso (Taxus baccata L.) e alloro (Laurus nobilis L.); in mezzo ad essa, tra il verde scuro degli alberi, spicca un tavolo in pietra chiara affiancato da due panchine. Più avanti troviamo una vasca rotonda a zampillo, statue in terracotta e una cascata a gradoni ornata di tufo. 

 

Alla sinistra del cancello d’entrata, oltre al filare di carpini già ricordato, troviamo una piantagione di eucalipti (Eucalyptus globulus Labill.); questa zona ad Ovest dell’ingresso principale in passato era destinata a colture di viti ed alberi da frutto. Disseminate nel parco troviamo, oltre al già nominato viale di carpini, altre suggestive creazioni arboree come, ad esempio, un bellissimo belvedere coperto da tassi potati ad arco, delimitato da una balaustra a colonnine che si apre suggestivamente sul giardino sottostante e sul paesaggio delle colline circostanti la città. 

 

La bellezza del luogo è esaltata dalle statue in pietra e terracotta che, con la loro simbologia, ci richiamano alla destinazione del luogo: un barbagianni ed una bellissima Diana seduta, col fedele cane e la faretra, sono posizionate in una piantagione di lecci (Quercus ilex L.), che costituivano la ragnaia, cioè il luogo destinato alla collocazione delle reti per cacciare gli uccelli.

Ingresso

Euro 6,00 a persona per i singoli e per i gruppi

Gratuito per i ragazzi sotto i 12 anni


Apertura

Visita tutti i giorni dal 15 marzo al 5 novembre.

Durante il periodo di chiusura sono ammessi solo gruppi su prenotazione.


Mappa