home / i parchi / Palazzo Fantini
 

Giardini nelle vicinanze


Museo Giardino della Rosa Antica


Oltre 800 varietà di rose cercate, trovate, identificate e qui ... continua » 

Villa dell’Arcivescovo
(Tenuta agricola di Montericco)


Settecentesca villa sorta attorno a un torrione di guardia del ‘400 e s... continua » 

Villa Sorra


L'esempio più rappresentativo di giardino romantico dell’Ottocen... continua » 
cerca
Galleria fotografica

Palazzo Fantini

Palazzo Fantini

Via XX Settembre, 81 Tredozio (Forlì-Cesena)

http://www.palazzofantini.net

L’elegante ma severissima facciata settecentesca nulla lascia presagire dell’accogliente segretezza del giardino. Dalla strada nessun indizio; dopo il portale a volta la prima corte accoglie con un gioco di bossi intagliati, salvia splendens e una vasca con piante acquatiche. D’intorno gli ingressi privati e una serie di edifici un tempo pertinenze agricole. Poi la sorpresa, un giardino all’italiana sopraelevato rispetto al piano della casa e accessibile solo da una gradinata lungo un’ampia muratura di sostegno. Esso si compone di vari settori che si adagiano sulla collina ed in salita. Progettato nell’800 riprende i temi classici dell’epoca: i vialetti segreti, la fontana con le ninfee, le geometrie precise delle siepi, i bossi topiati, le aiuole di rose antiche con stachis lanata e bordure di fiori “fuori moda” come dalie e begonie, iris e lantane.

 

Più in alto, il parco di alberi secolari come cedri del Libano, lecci, ippocastani acacie, tigli, querce e sottostanti prati con fiori spontanei, quali margherite, viole, primule e ciclamini. Questa parte va misteriosamente a perdersi nel giardino roccioso con scalinate e muri secondo uno stile ottocentesco e romantico, con vialetti riservati.

 

Di recente progettazione e realizzazione è invece l’angolo dedicato alle erbe aromatiche. Un’aiuola nuova a forma trapezoidale che non era nella originaria struttura del giardino, con bordure di bosso per raccogliere erbe aromatiche locali quali la vinca,la nepeta, il camedrio, la menta variegata, il timo, l’alloro, il dragoncello, la ruta, la santoreggia, il rafano, l’achillea etc... Il verde cupo dei bossi fronteggia il rosso e giallo dipinti a strisce sul muro interno. Nella tradizione locale infatti gli edifici agricoli venivano dipinti con il tipico motivo a bande bicolori. L’allegra limonaia fa da cornice all’aiuola centrale.

Ingresso

Euro 5,00 Intero


Apertura

Visite durante i fine settimana su appuntamento al giardino e al museo delle attrezzature agricole.


Altre segnalazioni

Galleria Fotografica: foto Angelini 



Palazzo Fantini fa parte dell'Associazione Italiana Dimore Storiche:


Mappa