home / i parchi / Fondazione Magnani Rocca
 

Giardini nelle vicinanze


Castello di Gropparello


Il parco che circonda il castello di Gropparello è il primo parco e... continua » 

Palazzo Fantini


Un giardino all'italiana con vialetti segreti, fontana di ninfe, geometrie ... continua » 

Villa Sorra


L'esempio più rappresentativo di giardino romantico dell’Ottocen... continua » 
cerca
Galleria fotografica

Fondazione Magnani Rocca

Fondazione Magnani Rocca

via Fondazione Magnani Rocca, 4 Mamiano di Traversetolo (Parma)

http://www.magnanirocca.it

La Villa dei capolavori è situata in un bellissimo parco secolare popolato di animali che rende la Fondazione meta estremamente piacevole oltre che di notevole interesse culturale per i visitatori.

Con un’estensione di dodici ettari il parco ricalca il modello all’inglese, caratterizzato da una distribuzione irregolare delle masse vegetali, spesso alternate da ampi spazi erbosi. La presenza di arboreti, alberi monumentali solitari e vegetazione arbustiva spesso spontanea conferisce al parco un valore estetico che si basa in gran parte sulla varietà delle forme, e gli dona un aspetto che riflette tanto l’armonia del parco all’inglese quanto il fascino della natura selvatica. 

Ulteriori elementi di varietà paesaggistica sono le due aree di giardino formale all’italiana con le basse siepi in bosso che prolungano sul terreno le linee architettoniche del complesso. Alle spalle della Villa, verso il piano, si apre la distesa del vasto prato delimitato dall’infilata delle sei colonne ioniche marmoree provenienti da una chiesa e chiostro settecentesco del sud Italia, distrutto durante la seconda guerra mondiale. 

L’assetto attuale del parco è stato impostato quasi interamente all’inizio dell’Ottocento, quando una grotta e un laghetto artificiali contribuivano a donargli un aspetto alquanto differente dall’attuale; del laghetto si può scorgere ancora qualche traccia di una parte dell’invaso. Nel parco sono presenti una quarantina di specie arboree e arbustive, di cui la maggior parte è costituita da specie ad alto fusto; predominano specie esotiche, introdotte per il loro valore ornamentale. 

E’ da segnalare la presenza di alcuni esemplari arborei monumentali, come Cedrus atlantica, Cedrus libani, Sequoia sempervirens, Quercus robur, Platanus hybrida.

Mappa