home / i parchi / Parco Idrotermale Negombo
 

Giardini nelle vicinanze


Villa San Michele


VINCITORE 2014 (Cat. Parchi Privati) Situata a 327 metri di altezza da... continua » 

Giardini La Mortella


VINCITORE 2004. I Giardini La Mortella sono uno splendido giardino che ... continua » 

Villa Cimbrone


Il visitatore, avvolto dall'incanto e dalla ammaliante suggestione di Villa... continua » 
cerca
Galleria fotografica

Parco Idrotermale Negombo

Parco Idrotermale Negombo

Via San Montano Lacco Ameno, Isola d’Ischia (Napoli)

http://www.negombo.it

Piscine termali e piscine marine, bosco, giardino, aiuole rigogliose, il mare e la roccia vulcanica: tutto racchiuso in un unico luogo, magico e affascinante.

 

È il Negombo, un parco idrotermale situato nella baia di San Montano a Ischia. San Montano è una profonda baia racchiusa tra il monte Vico e il promontorio di Zaro in uno dei più suggestivi angoli di Ischia, un'isola dove sin dai primi decenni del XX secolo si è diffusa la cultura della balneazione.

 

Il giardino che possiamo ammirare oggi è il risultato di un lungo lavoro iniziato nel 1947 dal duca Luigi Silvestro Camerini, imprenditore e antifascista veneto (ma anche viaggiatore che molti ricordano perennemente vestito con abiti coloniali, innamoratosi del Sud dopo il confino a Ponza), proseguito dagli eredi e, nel 1988, da Ermanno Casasco. 

 

Nell'intenzione originaria di Camerini il territorio doveva ospitare un giardino botanico irrigato con un complesso anche se rudimentale sistema di vasche e percorso da sentieri scavati nella roccia del monte Vico. Non fu impresa facile creare una proprietà unica e vasta come il Negombo, giacché all'epoca il terreno era suddiviso in lotti coltivati a orto di proprietà di molte famiglie differenti. Per accorparli furono necessari alcuni anni e non poche battaglie, ma, alla fine, arrivarono cicas, cocos, ficus elastici, zamie, sterlizie che giustificarono anche quel curioso nome rubato a una baia di Ceylon. 

 

Lo spirito della natura mediterranea non fu soppiantato dall'arrivo di essenze africane, australiane, giapponesi o brasiliane. Se ne percepisce la presenza ma non è in contrasto con le altre essenze. Negli anni Settanta il luogo passò da parco privato a parco idrotermale aperto al pubblico (per raggiungere l'autofinanziamento e salvare questo patrimonio verde) e, negli anni Ottanta, il figlio del duca, Paolo Fulceri Camerini, percepì la necessità di rimettere mano alla struttura del giardino per farne un insieme più armonico e meno 'selvaggio'. Incaricato dell'opera fu il paesaggista Ermanno Casasco, il cui principale impegno fu quello di costituire una continuità visiva all'interno del giardino. Impegno portato certamente a termine, riscoprendo attraverso una ricerca storica i disegni e le intenzioni originarie del duca Camerini, quasi dimenticati dopo la sua scomparsa. Ecco dunque l'introduzione di piante mediterranee che non erano presenti (o che non erano sopravvissute) come il mirto o l'olivo, ma anche, coerentemente rispetto all'idea originaria di parco botanico, la messa a dimora di nuove essenze australiane o americane, perfettamente integrate nell'insieme. Ed ecco, dal punto di vista strettamente architettonico, il recupero dei terrazzamenti, dei muri a secco, della scala centrale e l'inserimento di cascatelle d'acqua sulle balze.

 

Non si può disgiungere questo paesaggio con la funzione pratica del luogo. Del resto lo sfruttamento a fini medico-salutari delle terme è, come tutti sappiamo, storia antica. I Romani già conoscevano e frequentavano questi luoghi, dove sorgevano ville e giardini di grande bellezza. Con alterne vicende, nel corso dei secoli le terme non furono del tutto abbandonate e vennero riscoperte, come si accennava, con l'inizio del secolo, in concomitanza con la valorizzazione della balneazione.

 

La presenza di queste acque ha segnato la progettazione e lo sfruttamento di queste terre e ha scandito le forme del parco che non possono non armonizzarsi con le piscine, le vasche e il mare.

Ingresso

Prezzo Ingresso € 8,00


Apertura

Parco: visite da aprile a ottobre tutti i giorni dalle ore 17 alle 19.

Da novembre a marzo visite solo su appuntamento. Visite per gruppi solo su prenotazione.

Terme e stabilimenti balneari: dalle 9.00 alle 19.00 con prezzi variabili in base alla stagione e all’orario.


News

Ipomea del Negombo 23 - 24 - 25 Maggio 2014.


Mappa