home / i parchi / Giardino La Foce
 

Giardini nelle vicinanze


Villa di Geggiano


La Villa di Geggiano offre preziosi interni e splendidi giardini tr... continua » 

Tenuta di Monaciano


Un giardino di fiori a mezzodì nella parte alta, ed un parco romantico... continua » 

Giardino di Villa Cetinale


Il giardino formale di Villa Cetinale, conosciuto come giardino degli agrumi,... continua » 
cerca
Galleria fotografica

Giardino La Foce

Giardino La Foce

Strada della Vittoria 61 Chianciano Terme (Siena)

http://www.lafoce.com

Il dialogo tra edifici, giardino e natura pone La Foce al centro di una importante testimonianza storica che riguarda l’evoluzione architettonico-culturale della Toscana nel Novecento. 

Il giardino venne infatti interamente realizzato tra il 1924 e il 1939 dai Marchesi Antonio e Iris Origo, ed è considerato il capolavoro dell’architetto inglese Cecil Pinsent (conosciuto anche come l’architetto di Bernard Berenson a Villa I Tatti). 

Villa e giardino si affacciano sulla incantevole Val d’Orcia, con vedute del Monte Amiata sullo sfondo. Antonio Origo si occupò appassionatamente della bonifica di questa valle allora poverissima, mentre Iris si dedicò al giardino, ai suoi libri, e al benessere sociale della popolazione contadina. 

Iris Origo, scrittrice anglo-americana cresciuta a Firenze, ci fornisce la storia della Foce nei suoi libri, diventati ormai classici del loro genere: Guerra in Val d’Orcia, un diario di guerra 1943-44, e Immagini e Ombre, autobiografia (ambedue da Longanesi). 

Il giardino è cresciuto parallelamente ai lavori intensi di bonifica agricola. Per gli Origo, doveva essere un luogo in cui accogliere amici, godere dell’ombra dei lecci e del profumo dei fiori, e ripararsi dall’arsura della valle estiva. 

Costruito sul fianco di una collina, i suoi terrazzi si susseguono senza apparente sforzo, seguendo l’ideale umanistico dei giardini rinascimentali, geometrici e ordinati intorno alla villa, e via via più naturali all’avvicinarsi al bosco. 

Limoni, rose, essenze mediterranee, glicini, aiuole di bosso, siepi di alloro o cipresso, sentieri e panche di travertino danno un leggiadro movimento all’andamento naturale della collina. 

Oggi La Foce è fulcro di molte attività culturali: il festival Incontri in Terra di Siena organizza concerti e mostre di arte contemporanea e archeologia etrusca (con reperti provenienti dalla necropoli di Tolle nella proprietà), e diverse manifestazioni assicurano un interesse vivace in ogni stagione.

Ingresso

La visita dura circa 50 minuti e non é necessario prenotare anticipatamente. Il costo dell’ingresso è di € 10,00 a persona.


Apertura

Il giardino è aperto al pubblico tutti i mercoledì pomeriggio dal 19 marzo al 29 ottobre 2014 e tutti i weekend (sabato e domenica) dal 22 marzo al 2 novembre 2014, salvo eventi privati organizzati durante l’anno. Gruppi di almeno 20 partecipanti possono richiedere una visita in altri giorni. Le visite guidate partono dal cortile della fattoria. E' possibile visitare il giardino soltanto con visite guidate nei seguenti orari: il mercoledì pomeriggio ore 15:00, 16:00, 17:00 e 18:00 e ogni weekend dal 22 marzo al 2 ottobre ingresso alle ore 11:30, 15:00 e 16:30


Altro

Per ulteriori informazioni potete contattarci via email (info@lafoce.com) o telefonicamente (+39 0578 69101)

Altre segnalazioni

Il Giardino La Foce fa parte dell'Associazione Italiana Dimore Storiche:


Mappa